News

null Covid- 19: Adozione di ogni misura necessaria affinchè siano garantiti i servizi indifferibili ed urgenti per i Minori

Del 26/03/2020
Comunicato stampa

Covid- 19: Adozione di ogni misura necessaria affinchè siano garantiti i servizi indifferibili ed urgenti per i Minori

Il Garante regionale dell’Infanzia e dell’Adolescenza, Ludovico Abbaticchio invita e sollecita le Istituzioni competenti, affinché anche gli operatori sociali, chiamati a lavorare in condizioni di rischio o di vulnerabilità, siano dotati di tutti i dispositivi di protezione necessari a tutelare la salute propria e delle persone con cui entrano in contatto. 

“Chiedo contestualmente - dichiara Abbaticchio - che tutti gli enti gestori di servizi di accoglienza per minori, si attengano alle prescrizioni sanitarie del Governo, del Ministero della Salute e della Regione ed attuino ogni possibile iniziativa utile a garantire il massimo livello di sicurezza per gli ospiti delle strutture”. 
“Chiedo inoltre all’Assessorato regionale competente e agli Enti Locali di attivare un sistema intensivo di monitoraggio, controllo e supporto alle comunità educative. Sono consapevole - continua il Garante -che ogni giorno che passa, il loro impegno è sempre più gravoso”. 
“Non è semplice raccontare ai nostri ragazzi, in particolare a quelli più fragili che vivono fuori famiglia, disorientati per non avere figure adulte accanto e in situazioni di profonda vulnerabilità, una realtà che non avremmo mai pensato di vivere e tantomeno di raccontare! – sottolinea Abbaticchio. 
L’Italia sta vivendo una emergenza di proporzioni immense che ci porta a prendere decisioni dure, provvedimenti rigidi ma, con il solo obiettivo di tutelare ogni singolo cittadino. Dobbiamo tutelare anche chi sta sviluppando sintomatologie drammatiche all’interno di situazioni familiari fragili, chi avrà paura di non farcela, chi all’interno delle case sta vivendo maltrattamenti e violenze. I Comuni, gli Ordini professionali dovranno promuovere e sostenere l’operato di tutti gli operatori del sistema socio -sanitario: medici, assistenti sanitari, educatori e assistenti sociali, psicologi abilitati a lavorare nell’emergenza, psicoterapeuti. Si dovranno attivare tutte le risorse utili per chi non riesce a sostenere il disagio sociale”. 
“In una situazione quale è quella che stiamo vivendo, fatta di sacrificio e di dolore, tuteliamo i più fragili, nessuno dovrà restare indietro. Questa è l’immunità solidale! Questo è l’insegnamento più grande – conclude Abbaticchio - che possiamo trasmettere ai più giovani”.