Seguici su

Home / Comunicazione / News / 
“Codice etico e comportamentale per le persone di minore età in condizioni di ricovero ospedaliero o beneficiari di cure domiciliari degli operatori sanitari nella strutture ospedaliere e servizi sanitari territoriali”.
imgDettaglio
“Codice etico e comportamentale per le persone di minore età in condizioni di ricovero ospedaliero o beneficiari di cure domiciliari degli operatori sanitari nella strutture ospedaliere e servizi sanitari territoriali”.
23/01/2020
23 gennaio ore 12.00 presso la sala riunioni del terzo piano del palazzo del Consiglio regionale in via Gentile 52 - Bari.

Il Garante regionale, Ludovico Abbaticchio con i Garanti di 11 regioni italiane ed alla presenza della Segretaria Generale del Consiglio Avv. Mimma Gattulli,  ha tenuto la conferenza stampa a conclusione di una due giorni di lavoro sulla redazione di un : “Codice etico e comportamentale per le persone di minore età in condizioni di ricovero ospedaliero o beneficiari di cure domiciliari degli operatori sanitari nella strutture ospedaliere e servizi sanitari territoriali”.

I lavori hanno visto i Garanti confrontarsi e condividere la necessità di elaborare un codice deontologico che attivi un sistema di attenzione  e protezione per ile persone di minore età  in condizioni di ricovero ospedaliero o beneficiari di cure domiciliari.
L’assemblea nasce dall’esigenza di fissare dei criteri etici di riferimento, di condividere valori e principi fondamentali e non negoziabili.
Per esempio curare un bambino a Km 0, garantire ai piccoli e ai giovani pazienti la possibilità di ricevere le cure necessarie senza essere sradicati dalle proprie realtà, migliorarne la qualità della loro vita e agevolarne la ripresa psicologica.
“Il Minore - dichiara il Garante Abbaticchio - “ha diritto a un’assistenza globale e continuata, mediante una rete organizzativa che integri strutture sanitarie e figure professionali diverse, definendo percorsi assistenziali condivisi e attivando forme di supporto economico-sociale, linguistico-culturale ed educazionale che facciano fronte alle necessità fisiche, emotive, psichiche e logistiche sue e della sua famiglia. Il Minore deve essere ricoverato solo nel caso in cui le cure necessarie non si possano efficacemente prestare a domicilio o in ambulatorio, day-hospital o day surgery, favorendo percorsi di cura che prevedano la deospedalizzazione”
Il bambino ha diritto ad un aiuto ed a una assistenza particolare, tesa a favorire il suo pieno sviluppo e la malattia può costituire un momento critico di dipendenza se addirittura di ostacolo alla sua crescita L’incontro avrà cura di concentrarsi sui percorsi che i minori in condizioni di particolari patologie mediche dovranno affrontare cercando di creare un accordo istituzionale su prassi e metodologie.
Anche la previsione di percorsi di transizione dalla gestione pediatrica a quella dell’adulto per patologie complesse, croniche o disabilitanti, saranno parte della costruzione del codice a cui si lavorerà in questi giorni.
L’iniziativa avrà risalto nazionale e gli Organismi di Garanzia che ne faranno parte renderanno ancor di più forte la valenza istituzionale.

Hanno partecipato ai lavori i seguenti Garanti: Andrea Nobili - Regione Marche, Ylenia Serra - Regione Piemonte, Jacopo Marzetti - Regione Lazio. Leontina Lanciano - Regione Marche, Fabio Biasi - Provincia Trento, Camilla Bianchi - Regione Toscana, Massimo Pagani - Regione Lombardia, Giuseppe Sciacca - Regione Campania, Vincenzo Giuliano -  Regione Basilicata, Giuseppe Tulipani Garante Puglia per le persone con disabilità

Segue link de servizio della testata regionale Rai:

.https://www.rainews.it/tgr/puglia/video/2020/01/pug-codice-etico-minori-garante-sanita-dcde5b36-6e9c-49e3-a2d5-03bb2c33ca8a.html?wt_mc=2.www.fb.tgrpuglia_ContentItem-dcde5b36-6e9c-49e3-a2d5-03bb2c33ca8a.&wt&fbclid=IwAR1qE59pbZwvTiSP1Kh1OZaaNclZQ4L0XHFeDm_Zji0IzZM6WnSreEJVXBw 


torna all'inizio del contenuto